3 aprile 2018

È arrivato WheelDM n.9

WheelDM n.9 - Marzo 2018 È dedicata a Bruno Pizzul, la “voce della nazionale”, l’intervista centrale del  nuovo numero di WheelDM. Cinque pagine di ricordi, aneddoti, riflessioni sul calcio e sullo sport in generale raccolte durante una bella chiacchierata a Casa UILDM.

Nel servizio di apertura Luca, Herrman e Diego raccontano come hanno risolto i loro problemi di trasporto.

Moreno e Alain si presentano in una vivace intervista doppia, mentre Daniela ha incontrato per noi i fratelli Stefano e Sebastiano Mesaglio, protagonisti del ciclo di concerti “La musica nel DNA”.

Completano il sommario l’imperdibile oroscopo di WheelDM, la recensione del film “La famiglia Bélier”, un articolo musicale sui Beatles, il ricordo di Maria Angela Caroppo e la sezione sportiva riservata alle squadre friulane di hockey in carrozzina: gli Alma Madracs Udine e i Friul Falcons, cui è dedicata anche la copertina.

WhelDM si può scaricare in formato PDF, richiedere in cartaceo alla UILDM di Udine o leggere sul blog www.wheeldm.org

>> Qui, invece, si possono leggere tutti i numeri già usciti.

——————————————————————————————-

WheelDM è il primo prodotto concreto del laboratorio sulla comunicazione avviato alla fine del 2014 dalla UILDM di Udine.

Il nome, come spiega l’editoriale del primo numero, “deriva dal termine inglese wheel, che significa ruota, chiaro riferimento alla carrozzella, compagna inseparabile delle persone con disabilità, che si pronuncia uil, guarda caso come le prime tre lettere dell’acronimo UILDM, fortunata coincidenza che non abbiamo esitato un attimo a sfruttare per la nostra ‘creatura’, il cui nome si pronuncia appunto uildim”.

La redazione è composta da una decina di soci con disabilità che, accompagnati da due giornalisti, si sono occupati e si occuperanno di tutto: dalla scelta del nome della testata alla grafica, dalla scrittura degli articoli ai titoli, dall’impaginazione alle foto. In questo senso WheelDM, che non ha ancora una periodicità definita, non vuole essere l’organo ufficiale della sezione di Udine, ma l’espressione delle idee, degli interessi e delle capacità del gruppo che lo realizza e che è, ovviamente, aperto a nuovi ingressi.

Alla base del progetto c’è un uso intensivo delle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione. C’è chi gestisce il computer con gli occhi e chi usa i comandi vocali, chi lavora con una tastiera virtuale sullo schermo e chi usa il mouse tradizionale. I materiali viaggiano via email e vengono salvati e scambiati sulla rete, i commenti e le proposte si fanno all’interno di un forum di gruppo. Le riunioni di redazione si aprono sempre con il caratteristico squillo di Skype che annuncia l’avvio di una videochiamata di gruppo, che consente di far partecipare anche chi, per le sue condizioni di salute, fa più fatica a muoversi da casa e a prendere parte ad altre attività. È questo, del resto, uno degli obiettivi principali dell’iniziativa.